Gnatologia


Disturbi dell'articolazione temporo mandibolare



Patologia

Casi

Trattamento



l disturbi dell'articolazione temporo-mandibolare (ATM) sono una varietà di situazioni che coinvolgono i muscoli della masticazione, l'articolazione temporo mandibolare (ATM) e le componenti tissutali limitrofe. Il sintomo più frequente è il dolore localizzato ai muscoli della masticazione, alla zona preauricolare, e/o alle articolazioni temporomandibotlri (ATM) e può essere dovuto a:

- trauma (al viso)

- artrite ìnfiammatoria o degenerativa

- spinta della mandibola fuori posizione quando il paziente mastica o

deglutisce.

 

A volte, i muscoli delta masticazione, attorno all'articolazione temporo mandibolare possono andare incontro a spasmo (contrattura), causando dolori alla testa ed al collo e difficoltà di apertura della bocca.

 

l pazienti possono avere anche un apertura limitata o asimmetrica della bocca e rumori articolari che vengono descritti come click o schiocchi articolari.

 

Come in tutte le patologie, la conoscenza del decorso naturale della malattia (anamnesi) è necessario per guidare la terapia.

 

I disordini temporomandibolari, comprendono:

 

- Disordini muscolari: Sono quei dolori, diffusi al collo, regione auricolare, testa, spalle etc che sono causati da problemi temporo-mandibolari e che beneficiano di una terapia gnatologica

 

- Incordinazioni condilo-meniscali: Sono quelle alterazioni intra-artìcolari dell'ATM. che riguardano il menisco ed il condito, accompagnate da dolore e possibili conseguenze, anche gravi, per l'articolazione stessa. Il dolore che ne deriva è detto artralgia , questo deriva dai tessuti che circondano l'articolazione: i legamenti discali, i legamenti capsulari e i tessuti retrodiscali.

 

- Incompatibilità strutturati delle superfici articolari dell'ATM;

 

Alcune alterazioni da disallineamento discale derivano da rapporti inesatti fra le superfici articolari.

Un'alterazione di queste superfici, sia per insufficiente lubrificazione, sia per aderenze sviluppatesi sulla superficie stessa, altera questo movimento.

 

La principale caratteristica clinica che consente di differenziare questa condizione dal disallineamento discale è la presenza di una notevole sintomatologia durante il movimento mandibolare.

 

A lungo andare l’articolazione temporo-mandibolare (ATM) può andare incontro a perforazione del disco e ad artrosi. Nei casi più gravi, quando l'apertura della bocca si riduce drammaticamente, l'unica terapia possibile è la chirurgia dell'articolazione.

 

La terapia dovrebbe essere rivolta alla:

1. riduzione del dolore

2. miglioramento della limitazione funzionale

3. rallentamento della progressione della malattia

 

 

La terapia conservativa è la più indicata nella terapia dei disturbi dell'articolazione temporomandibolare.

 

Questa può includere cambiamenti di abitudini, medicamenti orali per il dolore, iniezioni antinfiammatone ed apparecchi intraorali rimovibili. La chirurgia è rarissimamente necessaria ed è riservata a quei casi che non subiscono miglioramenti con la terapia conservativa

 

l disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare (DTM) richiedono un approccio multidisciplinare.

II team che si occupa dei DTM è costituito dall'ortodontista, dal fisioterapista ed alcune volte dallo psichiatra, che ha il compito di controllarne lo stato di ansia o di depressione che alcune volte accompagna e sostiene le sindromi.

 

TERAPIA CON APPARECCHI INTRAORALI RIMOVIBILI ( PLACCHE E/0 BITE)

Usata principalmente la placca dì Michigan, che è una placca che fornisce stabilità alte ATM, protezione ai denti, redistribuzione delle forze occlusali, rilassamento dei muscoli elevatori della mandibola e riduzione del bruxismo. 

Scrivi commento

Commenti: 0